Dal momento che le disposizioni normative cambiano repentinamente, le informazioni riportate sotto sono solo a titolo informativo e non sosituiscono una ricerca delle informazioni più recenti in tema sui siti preposti.

COVID-19: LE REGOLE PER CHI VIAGGIA E ARRIVA IN SICILIA

Aggiornamento 23 maggio 2021.
Con l’ordinanza n° 59 del 20 maggio 2021 il presidente della regione Sicilia Musumeci ha anticipato dal 31 al 23 maggio la cessazione degli effetti dell’ordinanza del 7 aprile 2021 con cui veniva istituito il portale per la registrazione dei cittadini in arrivo sull’isola. L’ingresso in Sicilia ora segue le regole nazionali relative a zone gialle, arancioni e rosse.

Con le riaperture dal 26 aprile debutta anche il green pass, una certificazione che serve a spostarsi per turismo o per fare visite ad amici da e per regioni regioni rosse e arancioni.

Il green pass consente di spostarsi liberamente a coloro che si sono sottoposti alla vaccinazione completa (due dosi), a coloro che sono guariti dal Covid-19 con contestuale cessazione dell’isolamento, e a coloro che hanno effettuato un tampone antigenico rapido o molecolare, con esito negativo, nelle 48 ore precedenti all’imbarco.

La certificazione verde ha una validità di 6 mesi dalla data del completamento del ciclo vaccinale, di 6 mesi dalla data dell’avvenuta guarigione e di 48 ore dall’effettuazione del tampone.

Ingresso dai Paesi dell’Unione Europea e dell’area Schengen, Gran Bretagna e Israele

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato un’ordinanza che prevede l’ingresso dai Paesi dell’Unione Europea e dell’area Schengen, oltre che da Gran Bretagna e Israele, con tampone negativo, senza obbligo di quarantena. Resta l’obbligo di esibire all’arrivo un tampone molecolare o antigenico con esito negativo, effettuato nelle 48 ore che precedono l’arrivo in Italia.

Posto: Regione Sicilia